FORD Ranger Wildtrak, senza compromessi

Dic 30, 2016 , ,

Il nuovo Ranger, offre un’elevata versatilità d’uso, è un pick-up a trazione integrale, con uno stile moderno che comunica subito un senso di robustezza. L’estetica è stata molto curata, dando importanza ai dettagli che ne rafforzano l’identità. Nell’ampia scelta, offerta nel mercato automobilistico dei mezzi commerciali pick-up, il Ranger non passa inosservato. Il suo stile ha un richiamo inconfondibile con i cugini maggiori americani. Ha certamente delle doti, che nella sua categoria, lo rendono unico, numeri, che fanno la differenza: possibilità di guado fino a 800 mm senza snorkel, altezza da terra di 230 mm, angolo di attacco 28 gradi e di uscita 25. Numeri, riferiti all’allestimento Wildtrak con doppia cabina, quello provato da noi.

E’ un pick-up raffinato, le grosse gomme con cerchi in lega da 18’ e le nuove sospensioni lo rendono più confortevole di tanti grossi Suv, lo sterzo è morbido, con la possibilità di attuare sistemi per il mantenimento di corsia, in curva è composta, ma, se chiedi potenza e affondi l’acceleratore, i 200 cavalli si fanno sentire con dei piccoli colpi di coda controllati dal sistema stabilità ESP. Le dimensioni sono di tutto rispetto, 5.36 cm di lunghezza, ma la maneggevolezza è comunque buona e risulta facile da guidare anche nel traffico di una città come Torino. Le manovre e il parcheggio non sono un problema, non dispone di sistemi automatici – che rifiuterei categoricamente su una vettura di questo tipo – ma dispone di una buona telecamera posteriore, dei sensori di parcheggio sul paraurti anteriore e posteriore, che visualizzano gli ostacoli sullo schermo centrale; all’avvicinarsi del pericolo aumenta il suono. Vi assicuro che le manovre diventano semplici anche per chi può avere poca dimestichezza nel guidare mezzi di questo tipo.

_dsc0164-10 _dsc4369-11

L’allestimento WILDTRAK è il top di gamma, disponibile con il motore 2.2 Duratorq da 160 cavalli o in alternativa con il 3.2 Duratorq da 200 cavalli. Il modello della nostra prova, monta quest’ultimo con la trasmissione automatica a 6 rapporti. Un motore dalle ottime prestazioni, adatto a rendere il mezzo prestazionale per l’uso stradale o un grande lavoratore ed arrampicatore per l’uso professionale, dispone di una coppia massima di 470 Nm a soli 1.500 giri. Normalmente viaggia con la sola trazione posteriore, all’occorrenza è possibile inserire l’integrale 4WD e le marce ridotte, con il comando posto vicino al cambio; dispone del blocco del differenziale posteriore e della possibilità di disinserire i controlli elettronici del sistema di trazione. Per le discese più ripide ed impervie, si può utilizzare il sistema di frenatura automatica, in grado di mantenere una velocità bassa, costante e in stabilità. Abbiamo avuto modo di testarlo anche in montagna, su sentieri a scarsa aderenza, il Ranger è risultato facile da guidare, basta un filo di gas per muoverlo, è agile a superare gli ostacoli e il cambio automatico va benissimo anche nel fuoristrada.

ford ranger wildtrak ford ranger wildtrak

Gli interni sono ben rifiniti e con materiali adeguati, facili da pulire. Dispone di tutti i confort di una vettura di classe premium, sedili riscaldabili con comandi elettrici per il guidatore, climatizzatore automatico bizona, volante e inserti rivestiti in pelle con cuciture in contrasto arancioni, luci e tergi automatici. La consolle centrale dispone di un sistema di intrattenimento da far invidia alla più bella berlina. Il sistema – che connette l’utente con la vettura – permette la gestione delle chiamate, delle funzioni multimediali, dalla navigazione al comando della climatizzazione, alle impostazioni di guida. Naturalmente è un sistema multimediale touch screen a sfioramento con schermo da 8 pollici. A nostro parere molto bella la cura della grafica, ma non sempre di facile intuito l’utilizzo. Il cruscotto, in parte analogico e in altra digitale – con due schermi – è personalizzabile e di facile lettura.

_dsc4389-15 _dsc4376-12

Non mancano gli alloggiamenti porta bottiglie e accessori, dispone anche di un ampio vano, dietro lo schienale del sedile posteriore.

Ma quello che non bisogna trascurare del Ranger Wildtrak sono le tecnologie di assistenza alla guida: il controllo elettronico di stabilità con l’antiribaltamento, il sistema adattivo della velocità di crociera tramite il radar, il riconoscimento dei segnali stradali, il sistema di monitoraggio e mantenimento della corsia (tramite degli interventi diretti sullo sterzo) e l’avviso dell’anti collisione con frenata assistita in caso di rischio di impatto. Con questo mezzo, si dispone del massimo controllo in qualsiasi situazione, anche la sicurezza passiva è ad alti livelli: dispone di airbag laterali a tendina, frontali, sottopancia lato guida, piantone dello sterzo e pedali collassabili.

E’ certamente uno dei pick-up con la migliore dotazione di sicurezza e confort, l’insonorizzazione interna è stata curata utilizzando materiali di buona qualità, con il Ranger si possono percorrere parecchi chilometri con un confort adeguato. I consumi? Dipende molto dal piede, quando la chiami risponde bene, è divertente da guidare e va praticamente ovunque; oscillano – dati forniti dalla Casa – dagli 11,4 l/100 Km nell’urbano per scendere ai 7,3 nell’extra urbano.

Il mercato dei Pick-up ha un nuovo giocatore.

José Citro

 

 

RANGER WILDTRAK 3.2 6 auto
Prezzo da € 35.250
Motore 3.196 cc, 5 cilindri, Duratorq TDCi
Prestazioni 200 cv – 470Nm di coppia a 1.500 g/m
Peso 2198 Kg
Portata utile 1089 Kg
Prestazioni 0-100 km/h 10,6 sec
velocita Max 175 Km/h
Trasmissione cambio automatico 6 marce
altezza da terra 229 mm
angolo di attacco 28°
angolo di uscita 28°
angolo di ribaltamento 35°
altezza di guado 800 mm

Leggi o scarica l’articolo in formato PDF

Guarda la galleria fotografica