Home / Pneumatici / La strada è un po’ meno pericolosa per i giovani ma non per i bambini

La strada è un po’ meno pericolosa per i giovani ma non per i bambini

2010-15: nella fascia d’età 0-24 gli infortunati calano del 28,2%

Dal 2010 al 2015 in Italia il numero di bambini e giovani (da 0 a 24 anni) che hanno subito danni in un incidente stradale è passato da 80.256 a 57.584, con un calo del 28,2%. Questo dato, che emerge da un’elaborazione del Centro Studi Continental su base Istat, è da valutare positivamente, ma può e deve essere ulteriormente migliorato. E’ l’analisi dei dati suddivisi per fascia di età dei bambini e dei giovani presi in considerazione a suggerire come migliorare questi risultati. Infatti quasi tutte le categorie prese in considerazione sono in calo dal 2010 al 2015: i bambini da 5 a 9 anni (-8,3%), i bambini da 10 a 14 anni (-19,7%), quelli da 15 a 19 anni (-37,8%) ed i giovani da 20 a 24 anni (-26,5%). La categoria che invece registra un aumento del numero di chi ha subito danni in un incidente stradale è quella dei bimbi da 0 a 4 anni (+6,4% dal 2010 al 2015). Si tratta di un incremento difficilmente spiegabile, che è iniziato nel 2013, proseguendo poi nel 2014. Nel 2015 è da rilevare un lieve calo rispetto al 2014, ma il dato resta comunque sostanzialmente più alto rispetto al 2010. Questo aumento può essere dovuto ad una minore attenzione da parte di chi trasporta i bimbi ed anche, probabilmente, all’uso errato dei dispositivi obbligatori per il trasporto in auto dei bambini da 0 a 4 anni. Per questo è necessario che alla maggiore complessità dei dispositivi adottati sulle auto per il trasporto dei bimbi più piccoli, corrisponda da un lato una maggiore attenzione da parte dei genitori e dall’altro anche una maggiore chiarezza nella modalità di utilizzo da parte delle aziende produttrici, con apposite campagne di comunicazione atte a fornire in maniera semplice le indicazioni per l’uso di questi dispositivi.

Nell’ambito della sicurezza stradale, Continental si prefigge un obiettivo ambizioso col progetto Vision Zero, e cioè intende avvicinarsi quanto più possibile a zero vittime, zero feriti, zero incidenti stradali. Continental ha tutte le competenze per avvicinarsi a questo obiettivo, dal momento che conosce in ogni minimo dettaglio l’intero processo di frenata, dal pedale fino al pneumatico, poiché come Gruppo produce tutti i componenti interessati in questo processo. Con lo sviluppo delle auto intelligenti, poi, la possibilità di raggiungere l’obiettivo Vision Zero diventa sempre più tangibile.

Potete vedere un filmato sulle tecnologie di sicurezza prodotte da Continental al link:

 

Bambini e giovani che hanno subito danni in un incidente stradale
Classe di età 2010 2011 2012 2013 2014 2015* var. % 2010-2015
da 0 a 4 anni 2.684 2.656 2.625 2.638 2.907 2.856 6,4
da 5 a 9 anni 3.850 3.800 3.682 3.748 3.707 3.529 -8,3
da 10 a 14 anni 6.301 6.106 5.767 5.716 5.665 5.062 -19,7
da 15 a 19 anni 30.273 27.692 22.820 20.654 19.350 18.827 -37,8
da 20 a 24 anni 37.148 35.627 31.614 29.731 27.970 27.310 -26,5
Totale da 0 a 24 anni 80.256 75.881 66.508 62.487 59.599 57.584 -28,2
Fonte: elaborazione del Centro Studi Continental su dati Istat
* stima preliminare

Guarda anche

A SETTIMO TORINESE DAL 18 GENNAIO AL 1° MAGGIO LA MOSTRA “PIRELLI IN CENTO IMMAGINI. LA BELLEZZA, L’INNOVAZIONE, LA PRODUZIONE”

Alla Biblioteca Archimede di Settimo Torinese l’esposizione che ripercorre gli oltre 140 anni di Pirelli, …