Ultime notizie
Home / Prove su Strada / Peugeot 207 CC come per magia, a cielo aperto

Peugeot 207 CC come per magia, a cielo aperto

Dopo 70 anni di ricerca e continua innovazione tecnologica è nata la 207 Coupé Cabriolet. Peugeot è stata la prima azienda costruttrice a creare negli anni ‘30 il concetto di Coupé Cabriolet, l’Eclipse, o meglio nota come Peugeot 402. Peugeot ha creato cabriolet leggendarie che sono entrate nella nostra storia e spesso nell’intramontabile storia del cinema. La nuova 207 CC viene presentata nel 2007 riscuotendo un enorme successo grazie alla sua linea morbida ma allo stesso tempo aggressiva e sportiva. Un frontale con una grossa presa d’aria che caratterizza tutta la nuova linea dei modelli Peugeot, la parte posteriore rimane sempre sportiva da vera cabriolet. Una vettura che si può definire affascinante. A seconda del vostro umore o del vostro spirito potete assaporare nell’immediatezza la guida di una vera coupé, assaporando prestazioni e confort di marcia anche ad alte velocità. Non sentirete fruscii, ma solo silenzio e un’armonia di ambiente climatizzato e puro grazie al profumatore d’ambiente. Piccola sosta e in meno di 25 secondi potete cambiare il vostro spirito, in uno spirito libero. Cliccando il tasto all’interno della consolle centrale si abbassano elettricamente i quattro finestrini laterali e si compatta automaticamente il tetto in metallo nel baule. L’azione è completamente automatica, non ci sono leve da sbloccare o serrare, sarete avvisati da un suono acustico e da una scritta sul display al termine dell’operazione. Ora liberi di assaporare la libertà del cielo libero. La 207 CC la si guida molto volentieri, grazie ad un elevato confort di marcia garantito da un posto di guida con una posizione ergonomica, un po’ diverso il discorso per chi siede dietro, i sedili sono atti per bambini e un adulto in modalità chiusa sarebbe sacrificato. La si manovra ovunque, la visibilità è eccellente, la sensazione di guida è quella di una vettura di classe superiore, lo sterzo è molto preciso e progressivo rimanendo sempre con il giusto peso e rassicurando un elevato controllo del veicolo. La versione da noi provata è il 1600 c.c. benzina che eroga 120 cv, la guida appare fluida e quando si richiede potenza è progressiva ed appagante anche dal lato sonoro. Sempre pronta e solo quando è portata al limite subentra il controllo elettronico della stabilità e trazione (ESP) che ti rimette in carreggiata. Il controllo ESP è possibile disinserirlo per una guida più tecnica e sportiva, ma rimanendo nel range dei 50 km orari; superati si riattiva automaticamente senza possibilità di un ulteriore disattivamento. Con il bagnato si comporta molto bene, sicuramente grazie ad una equilibrata distribuzione dei pesi e del controllo ESP. Anche con la pioggia battente ed alte velocità non si riscontrano infiltrazioni di nessun tipo, questo grazie a una qualità elevata delle guarnizioni di ottima progettazione tecnica degli scarichi. Per garantire una sicurezza elevata, da cinque stelle “EURONCAP” la vettura è stata progettata in modo da assorbire buona parta dell’energia dell’urto e ridurre il rischio di lesioni al conducente e passeggeri; la sicurezza attiva è garantita oltre che dall’ESP da vari dispositivi: ABS, REF ripartitore automatico di frenata ruota per ruota, AFU assistente alla frenata di emergenza, ASR antipattinamento delle ruote che agisce sul motore e freni, CDS controllo dinamico di sterzata che valuta la sotto o sovrasterzata, Proiettori alogeni con illuminazione direzionale per le zone di ombra. La sicurezza passiva è garantita da AIRBAG frontali a pressione variabile, ginocchia e testa-torace che proteggono la testa dei passeggeri ma anche il torace e l’addome del conducente e passeggero anteriore. Le motorizzazioni sono tre, un 1600 c.c. benzina da 120 cv e 150 cv, un 1600 c.c. diesel HDi con filtro attivo antiparticolato FAP. Si tratta di un nuovo dispositivo autopulente che tratta i gas di scarico derivati dalla combustione. Gli allestimenti disponibili sono Tecno e Feline, con l’aggiunta di una versione limitata la “Roland Garros”, in occasione della sponsorizzazione all’evento tennistico internazionale.
Dal nostro test-drive (non strumentale) si evince una vettura con una elevata qualità costruttiva con una linea e stile di ricercatezza. La strumentazione è bel visibile e raccolta con la classica illuminazione arancione, mentre risultano poco efficienti le spie luminose che con il tetto aperto e la luce del giorno diventano poco leggibili, display centrale multi-funzione per tutte le altre informazioni, i comandi sono pratici e ben visibili, un po’ meno il satellite che gestisce l’impianto audio, forse risulta più pratico agire direttamente sull’autoradio. La plancia è ben congeniata, con materiali morbidi e non riflettenti, ben raccordata con la consolle centrale dov’è alloggiato l’impianto audio e i comandi del climatizzatore automatico bi-zona, le finiture sono all’altezza del prodotto. Poco gradevoli le cornici rotonde cromate lucide sul quadro strumentazione e la cornice cromata satinata di contorno alla zona bocchette aria e display multifunzione, nere satinate sarebbero state migliori e non avrebbero dato riflessi. Il climatizzatore è automatico bi-zona, altrimenti su altre versioni è manuale, risulta molto efficiente; La visibilità è il suo punto forte, si vede bene in quasi tutte le direzioni, ma quando è aperta è uno spasso. Accessoriata di tutto di più, incluso lo specchio centrale auto contrastante; Abitabilità, una due posti che all’occorrenza diventa quattro, talvolta è molto utile, porte enormi e accessibilità eccellente; Il bagagliaio se si tiene conto che è un coupé è immenso, circa 450 litri, ottimo per grandi bagagli; aperta diminuisce a soli circa 190 litri. Il confort c’è, ampi spazi, silenziosità, cambio morbido e preciso, sospensioni efficaci e confortevoli. Freni, efficienti con prestazioni normali, spazi d’arresto brevi e con una buona modulabilità del pedale. Ultima nota, ma non dolente il consumo, usandola sul misto siamo nell’ordine dei 12 km con un litro di percorrenza, se la si usa in autostrada nel rispetto delle norme il consumo si abbassa notevolmente.  Noi ci fermiamo qui, una vettura ideale per un uso quotidiano, ma con forte temperamento da sportiva; inoltre grazie alla elevata linea accessori e possibile personalizzarla a proprio gusto, rendendola unica, la propria Peugeot 207 CC.

Josè Citro

[hr]

Puoi salvare o sfogliare l’articolo in formato PDF

[hr]

Guarda la galleria fotografica

Guarda anche

Nuova Renault Clio Initiale Paris: il DNA non cambia

Modello: 2020 Posti: 5 Porte: 5 Lunghezza: 405 cm Larghezza: 180 cm Altezza: 144 cm …

Rispondi