Home / Ginevra 2014 / GINEVRA 2014 Suzuki CELERIO

GINEVRA 2014 Suzuki CELERIO

Suzuki CELERIO, una nuova compatta per il mercato globale, debutta in Europa al Salone dell’Auto di Ginevra 2014

Suzuki, con la sua eccezionale esperienza nelle vetture di dimensioni ridotte, introduce la nuova CELERIO che mantiene la facilità di guida tipica delle “compatte” e al tempo stesso offre una abitabilità interna superiore a quella delle auto convenzionali del segmento A. Questo modello propone anche un nuovo motore e nuove trasmissioni per offrire bassi livelli di emissioni di CO2, i più contenuti della categoria; consumi ridotti e vivacità nella guida, elementi che si accompagnano a uno stile dinamico e a una gamma di colori esclusiva.

Design esterno

Diversi elementi stilistici concorrono a formare un look decisamente dinamico: il frontale dal disegno definito con gruppi ottici e mascherina collegati tra loro; la scalfatura nella fiancata che va dall’anteriore fino al posteriore e il profilo laterale a sottolineare la dinamica del design; gli elementi posteriori – come lo spoiler – sottolineati dalla finitura dei bordi, a esaltare l’aerodinamicità della vettura.

suzuki celerio suzuki celerio

Design interno

Il team di sviluppo di Suzuki CELERIO ha puntato a un abitacolo semplice e moderno, realizzando uno schema simmetrico costruito attorno alla consolle centrale. I progettisti sono anche riusciti a ottenere uno spazio interno sfruttabile ben oltre quanto le misure oggettive lascerebbero intuire. Il nero è il colore di base, mentre il rivestimento principale dei sedili è blu, oppure, a seconda della tinta della carrozzeria, in un discreto disegno a motivi gialli. Quest’ultimo sembra mutare tra il blu/giallo e il grigio, aggiungendo un tocco di vivacità. I lati dei sedili sono in tessuto nero.

 Colorazioni

La dinamicità di CELERIO, la piccola compatta, è esaltata da una gamma di nove colorazioni, di cui tre del tutto nuove.

 Abitacolo comodo e spazioso

Suzuki ha sempre puntato a combinare tra loro elementi apparentemente contraddittori come “spaziosità interna” e “dimensioni ridotte”. Affrontando il problema alla radice e rivedendo la struttura della scocca, grazie alla sua eccezionale esperienza maturata nella produzione di “micro-car”, il team progettuale è riuscito a realizzare un abitacolo capiente e confortevole all’interno di un corpo vettura compatto, con lunghezza totale di 3.600 mm e larghezza di 1.600 mm. L’altezza di 1.530 mm e la linea regolare del tetto offrono un’abitabilità anche per persone con statura sopra la media. L’interasse di 2.425 mm assicura una distanza di tandem tra le due file di sedili di 743 mm, garantendo agli occupanti una seduta molto comoda. A rendere la vita di bordo confortevole e silenziosa sono stati anche lo sviluppo delle qualità di base di tutti i componenti e l’ottimizzazione dei materiali di isolamento acustico.

suzuki celerio suzuki celerio

Capacità bagagliaio ai vertici della categoria

L’adozione di un ponte torcente di forma appiattita per le sospensioni posteriori ha permesso di irrobustire il fondo della scocca e di ribassare il piano del vano posteriore, che in questo modo raggiunge la capacità migliore della categoria con i suoi 254 litri, un fattore chiave per la funzionalità della vettura è la facilità delle operazioni di carico e scarico. L’ampia apertura del portellone ha una larghezza massima di 1.020 mm e un’altezza massima di 751 mm, mentre la soglia è a soli 682 mm da terra.

Facile da guidare, agilità sorprendente

Oltre a un corpo vettura compatto, la nuova CELERIO prevede la leva del cambio in posizione elevata per un’eccellente manovrabilità e piani di seduta alti dal suolo che garantiscono un’eccellente visibilità generale per rendere ancora più semplice la guida. La posizione rialzata dei sedili e l’ampia apertura delle porte facilitano anche l’accesso e la discesa dal veicolo.

 Le emissioni di CO2 migliori della categoria

Unendo il sistema automatico Start&Stop a un motore e a trasmissioni molto efficienti, studiati appositamente per CELERIO, e con l’implementazione di soluzioni a ampio raggio – estese ai più piccoli dettagli fin dalle fasi preliminari dello sviluppo – per la riduzione del peso e della resistenza aerodinamica, si è potuto ottenere l’ottimo valore di emissioni di CO2 di 85 g/km, il più basso della categoria.

Propulsori

CELERIO sarà disponibile con due tipi di motori, tra i quali il nuovo K10C.

  • Motore K10C

Il nuovo propulsore a benzina da 1.0 litri K10C si caratterizza per gli importanti avanzamenti in termini di rendimento termico derivanti dall’alto rapporto di compressione, dall’adozione di un sistema a doppia iniezione e dalla riduzione degli attriti. Si ottiene così un eccellente bilanciamento tra prestazioni e consumi. Oltre a ottimizzare il rapporto di compressione per convertire efficacemente l’energia chimica in energia meccanica, Suzuki ha adottato un sistema EGR (Exhaust Gas Recirculation) refrigerato e getti di raffreddamento per i pistoni per eliminare il rischio di autoaccensioni e pre-accensioni. Anche l’efficienza della combustione è stata migliorata grazie all’adozione di un sistema a doppia iniezione e pistoni con cielo concavo. Puntando al massimo rendimento termico, Suzuki ha utilizzato anche diverse tecnologie per la riduzione degli attriti, come l’implementazione di comandi valvole a bilanciere a rullo per diminuire la resistenza meccanica e quindi le perdite di energia nel propulsore.

suzuki celerio motore

  • Motore K10B

In occasione dello sviluppo della nuova CELERIO, Suzuki ha apportato, nell’affidabile propulsore K10B, varie migliorie come il contenimento del peso e degli attriti interni.

  • Nuovo cambio manuale a cinque marce

La trasmissione manuale a cinque marce ha permesso di migliorare sia i consumi di carburante sia la facilità di cambiata. Per incrementare l’efficienza, la perdita di energia è stata ridotta del 40% limitando il volume di olio e utilizzando cuscinetti a basso attrito. Sincronizzatori più efficaci e la diversa rapportatura del comando assicurano cambiate più rapide e precise.

  • Nuovo cambio “Auto Gear Shift

L’alternativa al cambio manuale a cinque marce è “Auto Gear Shift“, il nuovo cambio meccanico robotizzato sviluppato da Suzuki dotato di “Intelligent Shift Control Actuator“, un attuatore elettroidraulico che agisce sugli innesti e sulla frizione in modo automatico. Integrando in un’unica soluzione sia l’attuatore sia il selettore del cambio, si è potuto creare un sistema integrato che consente di ridurre il tempo di cambiata. Il guidatore beneficia di tutta la comodità di un cambio automatico mantenendo l’efficienza energetica di una trasmissione manuale e il relativo feeling.

suzuki celerio cambio automatico

 Caratteristiche di sicurezza
È stata adottata la tecnologia Suzuki denominata Total Effective Control Technology (TECT). È stato fatto ampio uso di acciaio ad alta resistenza e sono state previste soluzioni come zone deformabili per assorbire l’energia degli impatti, una scocca che disperde efficacemente l’energia conseguente agli urti più violenti e una struttura dell’abitacolo molto robusta per tutelare gli occupanti. Il risultato è un corpo vettura leggero e al tempo stesso capace di offrire un’eccellente protezione.

Altri elementi che assicurano un alto livello di sicurezza comprendono:

  • 6 airbag per proteggere dalle collisioni frontali e laterali
  • Controllo elettronico stabilità ESP
  • Sistema antiarretramento nelle partenze in salita Hill-hold
  • Controllo pressione pneumatici (TPMS – Tyre Pressure Monitoring System)

 [hr]

Intervistiamo Massimo Nalli, Direttore Generale di Suzuki Italia

 

Guarda anche

GINEVRA 2014 ABARTH 695 biposto

Abarth 695 biposto: la ‘più veloce Abarth stradale di sempre’ Nel 1964, al Salone di …

Rispondi