Home / Classic / Le BMW Art Cars diventano digitali. Acute Art e BMW presentano la prima mostra di BMW Art Cars in realtà aumentata

Le BMW Art Cars diventano digitali. Acute Art e BMW presentano la prima mostra di BMW Art Cars in realtà aumentata

Per celebrare 50 anni di impegno culturale, BMW si unisce ad Acute Art per dar vita ad una mostra unica: per la prima volta la rinomata BMW Art Car Collection viene mostrata in realtà aumentata (AR). Il 21 luglio il progetto è stato lanciato tramite l’applicazione gratuita Acute Art e per la prima volta le sculture digitali sono disponibili a 360 gradi in tutto il mondo e in qualsiasi momento.

Per celebrare 50 anni di impegno culturale, BMW si unisce ad Acute Art per creare una mostra unica: la rinomata BMW Art Car Collection viene mostrata in realtà aumentata (AR). Il 21 luglio è stato lanciato il progetto tramite l’applicazione gratuita Acute Art, e per la prima volta le sculture digitali sono disponibili per tutti in tutto il mondo in qualsiasi momento.

Pensata per la prima volta dal pilota francese e appassionato d’arte Hervé Poulain e concepita in collaborazione con il fondatore di BMW Motorsport Jochen Neerpasch, la prima BMW Art Car fu commissionata quando entrambi chiesero ad Alexander Calder di disegnare l’auto da corsa BMW di Poulain nel 1975. Da allora, 19 rinomati artisti di tutto il mondo hanno disegnato le automobili BMW del loro tempo, con dichiarazioni artistiche estremamente diverse e riflettendo lo sviluppo culturale e storico dell’arte, del design e della tecnologia. In occasione dei 50 anni del BMW Group Cultural Engagement, le Art Cars entrano finalmente nel mondo digitale e vengono messe in scena virtualmente in questa mostra a 360° completamente immersiva: all’interno, all’esterno e in qualsiasi luogo l’utente desideri.

Dal 21 luglio, le prime BMW Art Cars possono essere visualizzate tramite l’App: Alexander Calder (BMW 3.0 CSL, 1975), Michael Jagamara Nelson (BMW M3, 1989), Ken Done (BMW M3, 1989), Matazo Kayama (BMW 535i, 1990), Esther Mahlangu (BMW 525i, 1991), Jeff Koons (BMW M3 GT2, 2010) e John Baldessari (BMW M6 GTLM, 2016). Da questo momento in poi, altre BMW Art Cars saranno integrate nell’Acute Art App ogni due settimane. In tempo per l’Art Basel di Basilea, tutte le Art Cars saranno incluse nell’App.

Per scoprire e vivere al meglio le BMW Art Cars interattive, l’app Acute Art è disponibile gratuitamente su App Store e Google Play.

Il BMW Group è impegnato a sostenere e facilitare la cultura, collaborando con istituzioni e artisti di fama mondiale. Attraverso il rispetto reciproco e la curiosità, BMW connette le persone attraverso la cultura in tutto il mondo – sia fisicamente che virtualmente. Questo è il motivo per cui BMW collabora con Acute Art: per superare i confini fisici dell’arte esplorando il medium in una dimensione diversa.

“Le BMW Art Cars sono una parte essenziale del DNA dei 50 anni di impegno culturale di BMW. Finalmente, entrano nel mondo digitale e possono essere accessibili ovunque e per tutti. Sono entusiasta della collaborazione con Acute Art perché entrambi puntiamo all’innovazione e alla tecnologia d’avanguardia. Non vedo l’ora di mettere le Art Cars nel mio salotto e di mettermi al volante di questi eccezionali capolavori!” ha dichiarato Pieter Nota, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG Responsible for Customer, Brands and Sales.

Acute Art collabora con i principali artisti contemporanei globali, fornendo l’accesso a tecnologie all’avanguardia che permettono di tradurre la loro visione creativa in nuovi mezzi digitali – comprese le realtà virtuali, aumentate e miste. I media immersivi di oggi danno vita a nuove possibilità per la produzione e la distribuzione dell’arte e l’arrivo della realtà aumentata rende possibili formati espositivi completamente nuovi.

“Siamo entusiasti di questa partnership con BMW, un’azienda che ha dimostrato un impegno eccezionale per l’innovazione tecnologica e l’arte nel corso dei decenni” ha dichiarato Jacob De Geer, CEO di Acute Art. “Acute Art è stata fondata sulla vision di democratizzare l’arte e portarla in luoghi dove non poteva essere prima. In questi tempi difficili dobbiamo trovare nuove soluzioni. La collaborazione con il BMW Group intensificherà lo scambio tra tecnologia, design e arte. Insieme esploreremo paesaggi futuri coinvolgendo le menti più innovative di oggi che lavorano in questi campi”.

La collaborazione di Acute Art con il BMW Group renderà le Art Cars visibili digitalmente in tutto il mondo per la prima volta. Attraverso l’app, possono essere visualizzati sia singoli veicoli che più veicoli insieme allo stesso tempo. A tal fine, le vere Art Cars sono state attentamente scansionate da tutte le angolazioni possibili utilizzando una metodologia di fotogrammetria, catturando ogni dettaglio dell’intervento degli artisti sulla superficie dell’auto. Infine, le auto sono state assemblate digitalmente per creare una rappresentazione accurata delle Art Cars in AR.

Durante Art Basel a Basilea, Svizzera, il BMW Group celebrerà 50 anni di impegno culturale con questa mostra interattiva unica al Kunstmuseum Basel il 21 settembre. La BMW Art Car di Alexander Calder sarà in mostra e un’area dedicata alla realtà aumentata appositamente creata inviterà gli ospiti a sperimentare le Art Cars digitali nell’Acute Art App in loco.

Guarda anche

Una rarità in vendita, una FIAT 600 VIOTTI del 1963

Questo splendido esemplare di FIAT 600 VIOTTI coupé del giugno 1963, è stata totalmente restaurata …